Aggiornamenti Worma

WORMA (WithoutORMA) è un progetto di rilocalizzazione di una parte dell’apparato produttivo legato alla ri-costruzione urbana e alla diminuzione dell’impronta ecologica, che muove dalla consapevolezza della necessità di un cambiamento di paradigma socio-economico e del modello di consumo.

Rilocalizzare significa produrre il più possibile a livello locale i prodotti necessari a soddisfare i bisogni della popolazione, in imprese locali finanziate dal risparmio collettivo raccolto localmente. La rilocalizzazione non è un concetto solo economico: anche la politica, la cultura e i valori devono ritrovare un ancoraggio territoriale.

Ciò non significa un ritorno al comunitarismo più vieto (la piccola famiglia atomizzata, il quartiere esclusivo, l’egoismo regionale, etc., tutti sinonimi di un microcosmo chiuso) ma una ritessitura “organica” del sociale per permettere relazioni trasversali virtuose e solidali volte al rafforzamento democratico.

Il programma di rilocalizzazione implica in primo luogo il tema dell’autonomia alimentare ed energetica e successivamente quella economica e finanziaria. Il tema della ri-costruzione urbana è direttamente connesso ad entrambi i due temi principali, ossia alimentazione ed energia.
- realizzazione di fattorie urbane e di un piano per l’autosufficienza agricola (riduzione del consumo di carne e aumento di prodotti stagionali)
- realizzazione di un piano energetico per la produzione decentrata di energia rinnovabile
- riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente e nuove costruzioni a standard energetico zero-energy
- incentivare lo sviluppo della ricerca e della innovazione nel campo della chimica e dell’ingengeria dei materiali “verdi” o prodotti con materie prime riciclate

Questa autonomia non significa autarchia in quanto si possono scambiare le eccedenze locali con altre comunità/ecosistemi.

Tutto questo significa: meno trasporti, catene di produzione più trasparenti, stimoli alla produzione e a un consumo sostenibili, minore dipendenza dai flussi di capitale e dalle multinazionali, maggiore sicurezza.

Rilocalizzare l’economia nella società locale significa preservare l’ambiente (che è la base di ogni economia), aumentare la partecipazione, promuovere la solidarietà, aumentare la responsabilità dell’impresa e contemporaneamente la fiducia e la salute dei cittadini.